giovedì 24 maggio 2012

DIARIO DI UN GIOVANE SPOSO - La scelta giusta



Ogni giorno ci tocca fare delle scelte più o meno importanti...in quale bar prenderò il caffè stamattina? Dico alla mia compagna di università che sono innamorato di lei o aspetto ancora 2 anni? Oggi
vado in ufficio e sto zitto o dico al mio capo che è un coglione? Compro le All Star verdi o blu?... In questo difficile cammino che chiamiamo vita le scelte sono di sicuro uno dei momenti più importanti; una scelta può renderci felici, un'altra può rovinarci la vita (o la mattinata:"Che schifo sto caffè sa di copertone bruciato!...ho di nuovo scelto il bar sbagliato..."). L'ideale sarebbe avere le spalle abbastanza larghe per scegliere sempre da soli, così nel bene o nel male le conseguenze dipenderebbero da noi, ma spesso serve un consiglio di una persona che stimiamo o di cui ci fidiamo. Per quanto mi riguarda per le scelte esistenziali  ho sempre chiesto un consiglio a Dio, lui non mi ha mai risposto, ma tende piuttosto a darmi dei segnali...come quando alla festa di fine anno delle medie mi ero innamorato di due ragazze e non sapevo a chi dichiararmi, così ho chiesto:"Dio tu chi mi consigli? Laura o Anna?" e proprio in quel momento Anna scoppia a ridere con l'apparecchio pieno di Fonzies, così ho scelto Laura. Subito dopo Dio, per alcune scelte, ho chiesto l'aiuto dei miei genitori come ad esempio dopo l'esame di terza media:"Mamma, papà, non so se iscrivermi al Liceo Classico o alla Scuola del Fumetto..." (non è una cazzata, la scuola del fumetto esiste, è a Milano e io amavo disegnare). Mia mamma mi disse di scegliere liberamente ciò che mi avrebbe reso felice e per cui mi sentivo portato...mio padre mi disse:"Sono pienamente d'accordo con tua madre!", poi lei è andata a stirare e mio padre mi disse:"La scuola del fumetto mi sembra una cazzata...". Le cose andarono diversamente quando vidi per la prima volta Carlotta; ero in una discoteca e lei era con un gruppo di amici che ballava e rideva...in quel momento il mio cuore si è fermato un secondo per poi cominciare a battere fortissimo, non avevo più bisogno di consigli da nessuno, aveva scelto lui per me...Beh se devo essere sincero anche Dio deve averci messo il suo zampino...di fianco a Carlotta c'era Anna che è scoppiata a ridere con tutti dei pezzetti verdi sui denti (credo fossero le foglie di menta dentro il suo mojito).

9 commenti:

  1. ok tu sei un genio !!

    RispondiElimina
  2. Eccchè noia. Abbiamo capito che vi amate da pazzi. Ma quando si tromba?

    RispondiElimina
  3. Oooooooo ma che tenera questa! Tra l'altro avevo un dubbio anch'io e credo di aver trovato qui la risposta...
    A

    RispondiElimina
  4. Io chiedo consiglio alla mia prof. che mi fa i tarocchi e a volte falsa il responso... poi succedono casini e lei si scusa. Di solito ci azzecca (quando non mente).

    RispondiElimina
  5. Fantastico sto post

    RispondiElimina
  6. Che culo, Dio ti manda dei segnali anche quando non ne hai bisogno

    RispondiElimina
  7. Ho la soluzione:

    Jacopo scrive post pseudo-romantico = deve farsi perdonare qualcosa da RisikoFuxia = Ha rotto qualche mobilio decapato

    RispondiElimina
  8. lucaluca: AHAHAHAHAHA immagino ankio una cosa simile...
    jacopo, bel post, come sempre mi scompiscio

    RispondiElimina
  9. Ok fantastico, ma che noia la moglie perfetta no??! eddaje

    RispondiElimina